fbpx
Seleziona una pagina

Nota: Questo articolo contiene alcuni link di affiliazione.

Biscotti farciti di fichi della tradizione siciliana

I buccellatini sono la versione mignon del buccellato, il classico dolce siciliano.
Il loro ricco ripieno ricorda molto i tipici sapori invernali, non a caso sono molto consumati in quel periodo e, in particolare, durante le feste natalizie.
Eppure, essendo in certi casi decorati con le allegre codette colorate, sono molto apprezzati anche a carnevale!

I buccellatini hanno numerosissime varianti sia nella forma che nella farcitura e, soprattutto, le preparazioni casalinghe cambiano da famiglia a famiglia!
Le più amate sono quelle a spicchio di arancia o rotonde.
Se i buccellati con il “chino” (ripieno) di fichi, zuccata, cedro e mandorla sono i dolci più amati nella provincia palermitana, quelli con la confettura di melone giallo sono molto apprezzati nelle zone dell’agrigentino.
Queste delizie sono conosciute con il nome di purciddati da purceddu, la definizione dialettale del “melone d’inverno” (il frutto con la polpa tendente al bianco e la buccia verde leggermente increspata).

Già nel nostro precedente articolo “Buccellati: i dolci farciti di fichi”, avevamo elencato alcune delle più celebri varianti del buccellato classico e adesso è arrivato il momento di scoprire i dettagli della sua preparazione tradizionale nella versione monoporzione, particolarmente laboriosa e tanto emozionante!

La preparazione dei buccellatini secondo la tradizione

In passato la realizzazione di questi aromatici dolcetti coinvolgeva tutti i membri della famiglia (anche i più piccoli) e iniziava già in piena estate.
Tra agosto e settembre, infatti, si cominciavano a raccogliere i fichi e in seguito si mettevano a seccare sotto il sole.
Durante la fase della raccolta i bambini erano gli indiscussi protagonisti e, mentre si accingevano a prendere i deliziosi frutti, ne approfittavano per assaggiarne qualcuno!
Con le loro manine tendevano a far scomparire “magicamente” decine e decine di fichi.

Fichi di Sicilia

Dopo aver fatto seccare per bene i frutti, iniziava la vera e propria preparazione dei dolcetti ripieni.
I buccellatini hanno la caratteristica di conservarsi molto bene per diversi giorni e quindi, quando si avvicinavano le feste di fine anno, si preparava la scorta per tutto il periodo natalizio.
Quest’ultimo, in Sicilia, corrisponde a un arco temporale che si estende dalla “nottata delle Madonna” (l’8 dicembre) fino all’Epifania (il 6 gennaio).

La realizzazione dei buccellatini era piuttosto lunga e laboriosa, in particolare per l’enorme quantitativo di biscotti che le massaie di allora preparavano! 
Di solito si distribuiva il lavoro in due giorni: 

  • il primo per cucinare la conza cioè la farcia (o anche “chinu”, come dicevamo) con cui sono riempiti i dolci 
  • il secondo era dedicato all’impasto e all’assemblaggio. 

Questa scelta derivava dalla necessità di evitare numerose ore di lavoro continuativo, vista la quantità a livelli industriali di buccellatini che si doveva cucinare! 
Ma anche perché fare, come prima operazione, il ripieno dava modo a tutti gli ingredienti di riposare e amalgamarsi meglio.

Oltre a ciò la tradizione prevedeva che la cottura dei buccellatini avvenisse, rigorosamente, nei forni a legna del vicinato. 
Quindi, sere prima della “nuttata ‘ra Maronna” dell’8 dicembre, era naturale assistere a una scena davvero particolare: diverse carovane in fila indiana si recavano dai vicini con le teglie sulla testa, in attesa del loro turno per infornare.
A sovrintendere alle operazioni di cottura era sempre una delle signore più anziane ma, soprattutto, quella con più esperienza.
Rappresentava, di fatto, un vigile urbano che regolava questo importante traffico dolciario!

Dopo aver conosciuto tutti gli aspetti della preparazione tradizionale di questi dolci tipici siciliani perché non provare a prepararli nella trasposizione più contemporanea?

La ricetta dei buccellatini

Ingredienti

(Per sei persone)

  • 500 g di farina
  • 150 g di zucchero semolato
  • 150 g di strutto o margarina  
  • 2 tuorli
  • 5 g di ammoniaca per dolci
  • 4-6 cucchiai di miele
  • 400 g di fichi secchi
  • 50 g di mandorle pelate e tritate grossolanamente
  • 50 g di noci sminuzzate
  • 50 g di nocciole tostate tritate grossolanamente
  • 50 g di pistacchi
  • 50 g di cioccolato fondente
  • alcuni semi di una bacca di vaniglia
  • buccia grattugiata di un limone 
  • buccia grattugiata di un’arancia
  • una stecca di cannella ridotta in polvere
  • 3-4 cucchiaini di chiodi di garofano in polvere
  • diavoletti colorati (per decorare)
  • zucchero a velo
  • 2-3 cucchiai di Marsala

Procedimento per il ripieno

Metti in una ciotola i fichi con il Marsala e sminuzzali aiutandoti con un robot da cucina.
Ricopri il contenitore con della pellicola e mettilo da parte.
Trita grossolanamente mandorle, noci, nocciole e pistacchi.
Aggiungi la scorza grattugiata del limone e dell’arancia, la cannella e i chiodi di garofano ben sminuzzati.
Unisci tutti gli ingredienti ai fichi dentro un tegame, amalgamando con 2-3 cucchiai di miele.
Cuoci per qualche minuto, incorporando un paio di cucchiai d’acqua.
Quando il ripieno sarà ben raffreddato, aggiungi il cioccolato a pezzetti e metti da parte il composto finito.

Procedimento per la pasta

Impasta insieme farina, zucchero semolato, strutto, 2-3 cucchiai di miele, i semi della vaniglia, l’ammoniaca e l’acqua necessaria per ottenere un composto omogeneo e consistente.
Avvolgi l’impasto nella pellicola e lascialo riposare in frigo per circa 30 minuti.
Stendi la pasta in una sfoglia non troppo sottile e ricava dei rettangoli di 10 x 5 cm.
Distribuisci al centro di ogni rettangolino un cucchiaio di farcitura e avvolgi la pasta su sé stessa, in modo da formare dei rotoli.
Incidi la superficie in 2-3 punti e piega ogni pezzo leggermente ad arco (eventualmente si possono anche non piegare).
Metti i diavoletti su un piatto e adagia i buccellatini dalla parte superiore, in questa maniera gli zuccherini colorati rimarranno appiccicati.
Distribuisci i buccellatini su una teglia rivestita con carta da forno e cuocili a 200° per 30-40 minuti.
Lasciali raffreddare e, infine, spolvera con zucchero a velo.

Buccellatini: biscotti tipici siciliani ripieni di fichi secchi

I buccellatini raccontano la Sicilia e le sue infinite sfaccettature.
I sapori e i profumi dell’Isola sono sapientemente racchiusi in una sfoglia di pasta frolla che conquista al primo assaggio! 
E, come se non bastasse, i buccellatini rappresentano il dono perfetto per il Natale!
Infatti, ancora oggi, è frequente vedere riunite insieme le donne di più famiglie per realizzare questi dolcetti che, una volta pronti, saranno regalati ad amici e parenti come augurio natalizio.

Se le ricetta dei buccellatini ti è piaciuta o hai qualche chicca da consigliarci, contattaci!
A breve pubblicheremo anche la preparazione del classico buccellato a forma di ciambella, continua a seguirci sulle nostre pagine social (Facebook, Instagram, Pinterest)!

Pin It on Pinterest